Disabilità

INCLUSIONE SCOLASTICA

E MODELLO BIO-PSICO-SOCIALE

La scuola vuole essere una comunità accogliente nella quale tutti gli alunni, a prescindere dalle loro diversità funzionali, possano realizzare esperienze di crescita individuale e sociale. La piena inclusione degli alunni con disabilità è un obiettivo prioritario della scuola dell’autonomia, come sancito anche recentemente dal D.Lgs. n.66/2017, modificato dal D.Lgs. n.96 del 7 agosto 2019.

Il Piano Educativo Individualizzato (PEI) è il documento che accompagna l’alunno con disabilità certificate. In esso vengono dettagliate tutte le informazioni sull’alunno, le abilità, le competenze e gli ambienti di apprendimento necessari per raggiungere l’obiettivo del successo formativo. Il PEI è redatto ogni anno, usualmente entro il 30 novembre, tenendo conto della classificazione ICF.

L’ICF (Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute) è lo strumento, basato sul cosiddetto modello bio-psico-sociale, che descrive e misura la salute di una persona e il suo funzionamento nel contesto in cui vive, scolastico ed extrascolastico. Utilizzata insieme alla Classificazione Internazionale delle Malattie (I.C.D.), consente una progettazione individualizzata più efficace degli interventi didattico-educativi, intervenendo anche sui contesti di apprendimento.

 

GLI ATTORI DEL PROCESSO DI APPRENDIMENTO

RUOLI E RESPONSABILITÀ

I genitori sono punto di riferimento per lo studente e risorsa fondamentale per gli insegnanti. Forniscono alla scuola le informazioni, i documenti e le certificazioni necessari a sostenere la progettazione dell’intervento didattico-educativo, compresa la richiesta delle risorse. Partecipano alla redazione del P.E.I. e lo sottoscrivono. Collaborano positivamente con i docenti e contribuiscono attivamente al successo formativo del proprio figlio.

L’A.U.S.L., tramite l’Unità di Valutazione Multidisciplinare (UVM), con la collaborazione della famiglia e la partecipazione della scuola, redige il Profilo di funzionamento, il documento propedeutico alla predisposizione del Progetto Individuale e del Piano Educativo Individualizzato (PEI); stabilisce le competenze professionali, le diverse misure da adottare per il sostegno e le risorse strutturali necessarie per l’inclusione scolastica; aggiorna il documento al passaggio di ogni grado di istruzione o in “presenza di nuove e sopravvenute condizioni di funzionamento della persona”.

Il Gruppo di Lavoro Operativo (G.L.O.), costituito per ogni alunno disabile, è composto dai docenti del Consiglio di classe, dalla famiglia, dai referenti clinici, dal rappresentante dell’Ente Locale, dalle figure professionali specifiche, interne ed esterne, che interagiscono con la classe e con l’alunno. Il D.Lgs. n.86/2019, art.9, c.11, prescrive “la partecipazione attiva” al G.L.O. degli studenti con disabilità, “nel rispetto del principio di autodeterminazione”. Il G.L.O. elabora e approva il P.E.I. e ne verifica il raggiungimento degli obiettivi. Esplicita le modalità di sostegno didattico, compresa la proposta del numero di ore di sostegno alla classe, le modalità di verifica, i criteri di valutazione, gli interventi di inclusione svolti dal personale docente nell’ambito della classe e in progetti specifici, la valutazione in relazione alla programmazione individualizzata, nonché gli interventi di assistenza igienica e di base, svolti dal personale ausiliario nell’ambito del plesso scolastico e le risorse professionali da destinare all’assistenza, all’autonomia e alla comunicazione.

Il Gruppo di lavoro per l’inclusione (G.L.I.) è nominato e presieduto dal Dirigente Scolastico ed è costituito da docenti curriculari, docenti di sostegno, rappresentanti A.U.S.L. ed eventualmente personale ATA ed altri consulenti quando necessario. Si riunisce allo scopo di supportare il Collegio Docenti nella definizione e realizzazione del Piano Annuale per l’Inclusione (P.A.I.) e i docenti nell’attuazione dei P.E.I.

Il Gruppo per l’Inclusione Territoriale (G.I.T.) è nominato dal Direttore Generale dell’Ufficio Scolastico Regionale ed è costituito da docenti esperti di metodologie didattiche inclusive e innovative. Supporta le Istituzioni Scolastiche nella definizione dei P.E.I. e decide sulle richieste dei posti di sostegno che il Dirigente Scolastico invia all’Ufficio Scolastico Regionale.

L’Ente Locale (Comune o Quartiere) si interessa della qualità della vita dei propri cittadini e gestisce proprie risorse destinate all’educazione e all’assistenza delle persone con disabilità (strumenti, trasporti, educatori, iniziative educative extrascolastiche, ecc.). Redige il Progetto Individuale di ciascuno studente. Partecipa alle decisioni di numerosi gruppi di lavoro, tra cui l’Unità di Valutazione Multidisciplinare della A.U.S.L. per la definizione del Profilo di Funzionamento, i G.L.O. per la redazione dei P.E.I., i G.L.I. per la definizione e l’organizzazione delle risorse educative e assistenziali.

 

RISORSE

Biblioteca digitale gratuita https://www.liberliber.it/online/

Lezioni,testi ed esercizi online per tutte le materie https://library.weschool.com/

Il metodo di studio https://www.studenti.it/come-trovare-metodo-studio-adatto.html

 

NORMATIVA

Di seguito sono elencate le principali disposizioni normative in tema di disabilità.

  • Decreto Legislativo 7 agosto 2019, n. 96

    Disposizioni integrative e correttive al decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 66, recante: «Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilita’, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della Legge 13 luglio 2015, n. 107»

  • Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 66

     Norme per la promozione dell’inclusione scolastica degli studenti con disabilita’, a norma dell’articolo 1, commi 180 e 181, lettera c), della legge 13 luglio 2015, n. 107

  • Legge 13 luglio 2015, n. 107 

    Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti.

  • Accordo di Programma metropolitano2019-2021

     per l’inclusione scolastica e formativa dei bambini, alunni e studenti con disabilità 2016-2021

  • Nota Miur 4 agosto 2009, n. 4274

     Linee guida per l’integrazione scolastica degli alunni con disabilità

  • Linee guida Autismo, 2015

     Il trattamento dei disturbi dello spettro autistico nei bambini e negli adolescenti

  • Legge 5 febbraio 1992, n. 104

    Legge-quadro per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate

  • Legge 4 agosto 1977, n. 517

     Norme sulla valutazione degli alunni e sull’abolizione degli esami di riparazione nonché altre norme di modifica dell’ordinamento scolastico

 

MODULISTICA

Richiesta della famiglia di orario scolastico ridotto 
Allegati
Accetto_Differenziata_2021_modello.pdf
Convocazione GO Meet.docx.pdf
PEI_SEC_2 GRADO su carta intestata.pdf
verbale go.docx